Il Lato Oscuro Visualizza ingrandito

Il Lato Oscuro

Nuovo

Il Lato Oscuro

Maggiori dettagli

12 Articoli

10,00 €

Dettagli

IL LATO OSCURO Introduzione di Maurizio De Paola

L’idea per gli articoli raccolti in questo libro mi venne nel 2007, al Festival della Chitarra Acustica di Sarzana (Acoustic Meeting).In quell'occasione si esibì la cantautrice americana Jackie Perkins, un’artista molto ispirata da Joni Mitchell e Joan Baez, autrice di ballate spesso solo per voce e chitarra acustica. Insomma, quanto di più lontano ci possa essere dalla musica metal e dalla sua cultura. Tra una canzone e l’altra, raccontò della sua esperienza in Italia, paese in cui vive dal 1995 e in cui ha messo su famiglia.Disse una frase che mi fece capire molto di me stesso e della “mia” musica metal: “Ho capito che i testi delle canzoni in Italia parlano solo di tre cose: lei c’è, lei non c’è più, lei se ne sta andando”. In quel preciso istante, compresi uno dei motivi più importanti che mi aveva spinto morbosamente ad abbracciare il “credo” dell’heavy metal sin da quando ero adolescente e a non abbandonarlo mai più: non parlava (e non parla) di queste tre cose. La musica heavy metal spesso ha dei contenuti – in termini di testi e immagini – che riportano ad argomenti “strani”, si rifanno a storie controverse, macabre o sono ispirati a vicende misteriose. Una parte del fascino che esercita è proprio dovuto al fatto che è la rappresentazione musicale di suggestioni “alternative”, di personaggi non omologati, di cattivi soggetti e brutti incubi. Insomma è la colonna sonora del nostro lato oscuro,quello che ci fa incuriosire di fronte alle storie di delitti efferati,avvenimenti misteriosi, individui ambigui e orizzonti ignoti, meglio se immersi nelle tenebre. Secondo lo psichiatra americano Robert Simon (autore del famoso saggio I Buoni Lo Sognano I Cattivi Lo Fanno) questa curiosità ha un positivo valore catartico, ci aiuta a confrontarci con le nostre paure, le nostre debolezze e i nostri demoni interiori esorcizzandoli e utilizzandoli per darci una spinta positiva nella vita di tutti i giorni. Come diceva WaltDisney: “La gente spesso si identifica nel Cattivo più che nel Buono ed è logico. Il vero protagonista di ogni narrazione è proprio il Cattivo. È lui che ‘crea’ la storia rompendo l’equilibrio, è lui che fa le domande sconvenienti. Bisogna dedicare la massima attenzione alla costruzione della sua figura. Il Buono ha solo il compito di rimettere a posto le cose, quindi può essere un idiota qualsiasi”. L’heavy metal, oltre alla sua energia musicale, mi ha sempre coinvolto per questo suo ruolo di “porta aperta sull’ignoto”, una porta al di là della quale si intravedono cose strane, mondi oscuri, discussioni non certo quotidiane e non riconducibili alla triade lei c’è, lei non c’è più, lei se ne sta andando. Una volta varcata la porta, la curiosità aumenta a dismisura. Il tale argomento “misterioso”, magari appena accennato nei testi diu n brano, diventa una sete bruciante che può essere placata solo cercando di saperne quanto più possibile. Si cercano libri, giornali, siti, informazioni di ogni genere. Specialmente quando internet non c‘era ancora e procurarsi informazioni su certi argomenti non era affatto semplice. Col passare degli anni ho poi scoperto l’acqua calda,ovvero che questo tipo di suggestione non riguarda solo me, ma moltissimiappassionati che proprio nella musica hanno trovato la loro personale “porta”per esplorare mondi di cui altrimenti non ne sarebbero neanche venuti aconoscenza. Nel 2009, nacque quindi l’idea di dedicare su Rock Harduna rubrica mensile (per l’appunto Il Lato Oscuro – misteri e delitti narrati in musica) in cui, prendendo spunto dal testo di una determinatacanzone, si approfondiva la storia che quel brano voleva narrare o suggerire.Ovviamente, la trattazione di ogni singolo argomento – su cui talvolta sono state scritte intere librerie, come per il Tesoro dei Templari o Jack LoSquartatore – non poteva di certo essere esaustiva. Ho cercato in questi annidi realizzare un compendio sintetico ma quanto più accurato possibile di varitemi, legati insieme dal loro essere “lato oscuro”, dal mistero che li circonda e dalla profonda suggestione che esercitano sul lettore (a cominciare dal sottoscritto). Nei quattro anni del primo ciclo della rubrica(2009-2013), le storie proposte si sono addensate in quattro grandi categorie.La prima è quella denominata Premiata Ditta Assassini e riguarda le figure misteriose del passato e del presente che con i loro atti criminali hanno lasciato un’impronta indelebile sull'immaginario collettivo (al punto da diventare soggetti di canzoni). Non tutti gli assassini però vanno bene. Solo quelli che nella loro vicenda presentano dei “lati oscuri”, aspetti ancora oggi controversi o inspiegabili, anelli mancanti nella catena della spiegazione“razionale” alle loro gesta o a quello che è stato tramandato come vero e indiscutibile. Valga per tutti l’esempio di Gilles de Rais, passato alla storia come Barbablù, un mostruoso e sadico omicida di bambini, su cui però ancora oggi si discute se veramente abbia compiuto i suoi atti abominevoli o si sia inventato tutto in cerca di un martirio purificatore, al culmine di una profonda crisi spirituale e materiale. La seconda categoria è quella delle Sette Segrete E Strane Famiglie, un argomento che di per sé evoca scenari straordinari(intesi come non-ordinari) che mettono alla prova le nostre convenzioni sociali e mentali. La setta, l’organizzazione segreta, la congregazione chiusa e misteriosa ci spinge a farci domande inquietanti sul “nostro” mondo, spesso descritto come il migliore possibile. Quando una di queste associazioni umane arriva alla ribalta della cronaca per qualche evento delittuoso, la prima domanda che viene quasi “imposta” al pubblico è: “Ma come fa la gente a finire dentro cose del genere?”. Sembra più che altro un tentativo di allontanare da sé l’idea di essere uguali alle persone coinvolte nella setta di turno, una auto-consolazione che prevede il mantra “io non sono di certo come loro, non sono così stupido...”, come se l’intelligenza si misurasse dal grado di accettazione della propria condizione esistenziale. Andando un po’a scavare, si scopre l’incredibile facilità con cui si formano e prosperano sette e associazioni segrete anche di grandi dimensioni e di come ciò che a noi appare lato oscuro sia invece chiarissimo per chi vive il suo mondo all’interno della setta. La terza parte si intitola Cose Nascoste. Che poi magari tanto nascoste non sono, ma che possono essere ignorate per tutta la vita se qualcuno o qualcosa non ci fa notare la loro esistenza, talvoltaaccanto a noi. Anche nell’epoca di internet, ci sono argomenti che raramente ottengono la nostra attenzione, a meno che non ci sia un “Cicerone” a farci da guida e a svelarci almeno i caratteri generali della questione. L’heavy metal per me è stato spesso questa guida, l’accompagnatore che mi ha fatto scoprire che esiste l’Autocombustione Umana Spontanea o l’Area 51; e che potrebbero esistere il Necronomicon o le incredibili armi segrete di Nikola Tesla. Nessuno di questi argomenti viene ovviamente discusso tutti in giorni sui giornali o inTV e la percezione che ne ha la maggior parte delle persone è quella di “miti moderni” o “leggende metropolitane”. Non perché riguardino cose false ma semplicemente perché nella nostra civiltà della comunicazione, ciò che non viene comunicato ossessivamente finisce per perdere la sua “consistenza” reale e si trasferisce nei regni del mito. Sarà vero? Sarà falso? Boh! L’Arca dell'Alleanza? Ma era quella di Noé? Serve a ricaricare la batteria del cellulare? La quarta e ultima parte, invece, è dedicata ai cosiddetti Grandi Calunniati. Sono alcuni personaggi storici che nel tempo hanno subito un lato oscuro loro malgrado, ovvero sono passati alla storia come responsabili di tremendi delitti o con un alone terribilmente negativo pur non avendo mai commesso ciò che la leggenda gli attribuisce. Secolari campagne diffamatorie hanno fatto arrivare fino a noi l’immagine di un Nerone pazzo incendiario o di un Rasputin monaco folle che distrugge la Russia zarista. O ancora di una Caterina de’ Medici perfida avvelenatrice e mandante di delitti politici e di un Nostradamus infido ciarlatano che ne asseconda gli abominevoli piani segreti. Queste leggende popolari si sono riversate naturalmente anche nella musica, anche nei testi delle canzoni ma, entrando in queste porte, si è scoperto il contrario di quello che si credeva di trovare. Questo è il viaggio che le pagine di questo libro vogliono modestamente suggerire. Un viaggio in cui la luce è poca e si attraversano molti più dubbi che certezze, una serie di porte socchiuse ognuna delle quali mostra un lato oscuro che attende di essere rischiarato dalla nostra curiosità. Buona lettura.

Recensioni

Non ci sono commenti dei clienti al momento.

Scrivi una recensione

Il Lato Oscuro

Il Lato Oscuro

Il Lato Oscuro

Scrivi una recensione